Convegno Iniziale – Cura e Cultura della Salute

La comunità credente non è indifferente alla rivoluzione biotecnologica sta influenzando non solo la cura, ma anche la nascita e il morire interpellando la responsabilità di fronte a nuove possibilità di scelta.

Convegno inaugurale Cura e Cultura della SaluteIl progresso medico e l’uso della tecnologia digitale consentono, tra l’altro, l’allungamento della vita ed una migliore gestione della cronicità e della disabilità inevitabilmente connesse con l’avanzamento dell’età.

Inoltre con il fenomeno della globalizzazione si sono acuite le tensioni sociali e stanno emergendo prospettive ostili alla medicina scientifica, come quella dei no vax.

Il Corso di Alta Formazione in “Cura e cultura della salute: che cosa sta cambiando?” raccoglie l’esortazione ad impegnarsi per lo sviluppo umano integrale e si prefigge: di fornire gli strumenti culturali per conoscere e valutare questi cambiamenti.

Vuole anche individuare nella cura della vulnerabilità l’elemento di incontro tra le varie culture e tradizioni religiose.

I docenti privilegeranno un approccio e tecniche didattiche di impronta fortemente attiva e partecipativa.

Ogni modulo prevede:

  • lezioni e dibattito con gli esperti
  • laboratori pratici
  • letture magistrali
  • analisi guidate di documenti digitali, piattaforme informatiche

Eventbrite - Cura e Cultura della Salute: Convegno Iniziale

Il corso ha una durata totale di 48 ore di lezione, distribuite in 12 incontri di 4 ore accademiche (giovedì dal 28 febbraio 14:30 18:30) ed è rivolto agli operatori e pastori degli ambienti socio-sanitari, assistenti spirituali, membri dei comitati di bioetica, formatori ed educatori

Direttori del corso: Proff. J.M. Favi, M.G. Salvati, P. Sgreccia

Per informazioni:

Infoline: 06.6702444

Email: matereccl@pust.it

Web: http://it.issrmaterecclesiae.it

Facebook: https://www.facebook.com/issrmaterecclesiae

Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *